ER PRESEPIO

Nei ricordi di ognuno di noi ci sono certamente delle poesie di Natale, di quelle che ci facevano studiare a memoria da bambini a scuola e che poi recitavamo al pranzo di Natale. 

Quella che vogliamo proporvi presenta anche spunti e inviti a riflettere. 

Che il suo messaggio ci accompagni anche dopo il Natale: è il nostro augurio reciproco.

Ve ringrazio de core, brava gente,

pè ‘sti presepi che me preparate,

ma che li fate a fa? Si poi v’odiate,

si de st’amore nun capite gnente…

Pé st’amore so nato e ce so morto,

da secoli lo spargo da la croce, 

ma la parola mia pare ‘na voce

sperduta ner deserto senza ascolto.


La gente fa er presepe e nun me sente,

cerca sempre de fallo più sfarzoso,

però cià er core freddo e indifferente

e nun capisce che senza l’amore

è cianfrusaja che nun cià valore.

                                      Trilussa

presepio

Informazioni aggiuntive